Corso-residenziale-lombalgia-2021

9 ottobre 2021

Il trattamento rieducativo del cammino nelle paralisi cerebrali del bambino e dell’adulto

Città: Milano
Crediti formativi ECM: 8
Relatori: Adriano Ferrari, Alberto Lissoni, Rita Neviani, Eugenio Occhi, Gianantonio Spagnoli, Ylenia Tosi

150,00

Esaurito

INFORMAZIONI SUL CORSO

Tipologia di corso: Corso di formazione residenziale
Autorizzazione ministeriale: ID 5279 – 331928
Location: Novotel Milano Linate, via Mecenate n. 121, 20138 Milano

icona-brochure-corso-100px Scarica la brochure del corso

RELATORI

Adriano Ferrari

Adriano Ferrari

Medico fisiatra

Alberto Lissoni

Alberto Lissoni

Medico Fisiatra

Nadia Crivelli

Nadia Crivelli

Terapista occupazionale

Eugenio Occhi

Eugenio Occhi

Medico fisiatra

Rita Neviani

Rita Neviani

Fisioterapista

Ylenia Tosi

Ylenia Tosi

Terapista occupazionale

CONTENUTI DEL CORSO

Fra funzioni geneticamente programmate (istintive) e funzioni acquisite progressivamente attraverso l’esperienza (apprese), il cammino rappresenta un eccellente esempio della capacità del sistema nervoso centrale (SNC) di integrare elementi preformati introducendo aggiustamenti adattivi che sappiano tener conto delle caratteristiche dell’individuo come di quelle dell’ambiente e della cultura in cui egli si muove. In condizioni fisiologiche, anche fra individui profondamente diversi, il risultato finale può essere talmente omogeneo da consentirci di parlare di cammino normale. In condizioni patologiche, possiamo invece riconoscere più facilmente, all’interno di una strategia complessiva (architettura), l’influenza esercitata dalle singole componenti centrali (top down) e periferiche (bottom up) e distinguere i difetti non emendabili dai compensi interni e dalle sostituzioni funzionali. Per poter modificare in senso terapeutico la funzione cammino bisogna comprendere la logica seguita dal SNC nella sua costruzione, abbandonando almeno in parte il modello generale del cammino normale per adottare il modello del cammino patologico specifico di quella determinata forma clinica, reso riconoscibile dall’analisi dei segni che la caratterizzano. I segni rappresentano infatti la parte riconoscibile ed interpretabile del modo di procedere seguito dal sistema nervoso del soggetto, cioè dell’architettura della funzione. Essi dipendono dai vincoli imposti dalla patologia ma testimoniano, altrettanto bene, la logica seguita dal sistema nervoso nel costruire quella funzione, “nonostante” la presenza degli elementi inemendabili prodotti della lesione. II segno finisce dunque per essere una somma di difetti, di compensi e di supplenze che ci rivela il margine di manovra, o libertà di scelta, posseduto dal SNC di quel soggetto, in sostanza la misura delle risorse residue disponibili. Lo scopo della riabilitazione non può essere quello di cancellare i difetti frutto di patologie che il più delle volte vengono considerate inemendabili, né quello di insegnare una normalità che in ogni caso non potrebbe essere appresa essendo la funzione apprendimento, la matrice di ogni attività appresa, di per sé compromessa nella paralisi cerebrale infantile. La riabilitazione deve guidare lo sviluppo delle funzioni adattive, che sono e resteranno funzioni patologiche, al miglior risultato accessibile a quel soggetto, per quello scopo, in quel contesto sociale ed ambientale. L’apprendimento del soggetto sarà tanto più facilitato quanto più il terapista saprà riconoscere e valorizzare la logica con cui sta procedendo il sistema nervoso nella costruzione di quella funzione. La storia naturale ci permette di studiare l’evoluzione del segno all’interno della funzione e quindi di comprendere non solo come facilitare il miglioramento della prestazione, ma anche quando proporre al paziente quello specifico cambiamento terapeutico. 

PROGRAMMA

09.00
Introduzione al corso | A. Ferrari
09.05
Equilibrio e cammino: strumenti, orchestrazione, problemi | A. Lissoni
09.50 
Il cammino nelle emiplegie infantili: aspetti clinici e storia naturale | A. Ferrari
10.20
Il razionale terapeutico nella rieducazione del cammino nelle diverse forme di emiplegia infantile  | A. Ferrari
10.50
Cofee break
11.00  
Il trattamento fisioterapico del cammino nell’emiplegia infantile e l’addestramento all’uso delle ortesi| R. Neviani
11.40
Il contributo della gait analysis alla valutazione del cammino | E. Occhi
12.20
Esercitazione su casi clinici videoregistrati | A. Ferrari – E. Occhi – R. Neviani
13.00
Sospensioni lavori
14.00
Il cammino delle emiplegie dell’adulto: aspetti clinici e storia naturale | E. Occhi
14.40
Il razionale terapeutico nella rieducazione del cammino nelle emiplegie dell’adulto | A. Ferrari – E. Occhi
15.10
Farmaci antispastici topici, distrettuali e sistemici | A. Ferrari
15.40
Ortesi ed ausili nella rieducazione del cammino dell’emiplegico adulto | Y. Tosi
16.20
Esercitazione su casi videoregistrati | E. Occhi – Y. Tosi
17.00
Quando il cammino non è funzionale: la carrozzina nell’emiplegia | N. Crivelli
17.30
Addestramento all’uso della carrozzina | N. Crivelli
18.00
Test di appredimento e gradimento
18.15
Conclusione lavori

DESTINATARI ECM

Medico Chirurgo (Geriatria, Medicina fisica e riabilitazione, Medicina dello sport, Neurologia, Neuropsichiatria infantile, Pediatria, Ortopedia e traumatologia, Medicina generale (Medici di famiglia), Pediatria (Pediatri di libera scelta), Podologo, Terapista occupazionale, Tecnico ortopedico, Fisioterapista, Infermiere, Tnpee, Educatore professionale, Assistente sanitario

LOCATION

Novotel Milano Linate, via Mecenate n. 121, 20138 Milano

 

Sponsor del corso

Orthoservice-sponsor-corso-Affidabile-Formazione-medici
Orthoservice-sponsor-corso-Affidabile-Formazione-medici
Orthoservice-sponsor-corso-Affidabile-Formazione-medici
Thuasne-sponsor-corso-Affidabile-Formazione-medici