Pacchetto composto da 3 corsi FAD da n. 150 crediti ECM

336,00 ( Esente IVA ai sensi dell'Art 10 DPR 633/1972 )

TIPOLOGIA: pacchetto composto da tre corsi FAD
DISPONIBILITÀ DEL PACCHETTO: sino al 31 dicembre 2020
CREDITI: 150

Svuota
COD: N/A Categorie: ,

La rieducazione del cammino nel bambino affetto da paralisi cerebrale infantile (forme diplegiche ed emiplegiche)

INFORMAZIONI SUL CORSO
Corso a Distanza FAD: Videocorsi online su apposite piattaforme di learning management system (lms) – e-learning | Riprese con tecnologia green screen
Autorizzazione ministeriale 5279 – 298305
Crediti formativi: 50
Piattaforma di e-learning: https://corsifad.affidabile.it/
CONTENUTI DEL CORSO

La domanda: “Riuscirà a camminare?” rappresenta certamente il quesito di fondo per chi si occupa di rieducazione dei bambini affetti da Paralisi Cerebrale Infantile. Il quesito abbraccia tuttavia una dimensione più ampia della sola funzione locomotoria, includendo la capacità di alimentarsi da solo, il controllo sfinterico, l’abilità manipolativa, la padronanza del linguaggio, la competenza relazionale. Il bambino che cammina è in qualche modo divenuto “grande”, sollevando i genitori dal compito generativo per traghettarli definitivamente nella dimensione educativa. Per i bambini diplegici, la forma clinica di PCI più frequente nei nati prematuri e seconda di poco alla forma emiplegica nell’ambito del complesso delle sindromi “spastiche”, il recupero della funzione cammino è l’obiettivo principale della medicina riabilitativa. Nelle forme emiplegiche cede invece il posto alla rieducazione della manipolazione, ma non per questo diviene un problema del tutto trascurabile. Accanto alla rieducazione neuromotoria, il cui strumentario si è profondamente rinnovato grazie ai progressi compiuti dalle neuroscienze nell’ambito del controllo motorio e dei meccanismi di apprendimento, sostengono il recupero i farmaci ad azione topica (tossina botulinica), distrettuale (pompa al baclofen) o sistemica (medicamenti per os), le ortesi e gli ausili, la chirurgia funzionale delle parti molli e dello scheletro. Combinare questi strumenti in un trattamento sapientemente integrato, rispettoso della partecipazione del bambino ed attento al formarsi della sua identità è il compito che deve saper affrontare in modo aggiornato e competente chi si occupa di rieducazione infantile.

    FILO DIRETTO CON I RELATORI

    Il valore didattico del corso non si limita alle ore di lezione registrate dai nostri relatori. Per tutti gli iscritti sarà infatti possibile restare in contatto con i professionisti che terranno questo corso FAD grazie al Gruppo Facebook Affidabile.it – Approfondimenti FAD “Cammino nei bambini affetti da PCI”, dove porre le proprie domande sui temi trattati direttamente ai relatori, che risponderanno ogni venerdì a partire da luglio.
    Il gruppo è destinato solo agli iscritti. In fase di accesso sarà necessario identificarsi indicando l’indirizzo usato per iscriversi al corso.

    MODULI E LEZIONI

    Modulo 1 – Analisi del cammino dell’uomo 
    Lezione A – Introduzione al cammino umano | A. Ferrari
    Lezione B – Biomeccanica e cinesiologia del cammino | E. Occhi
    Lezione C – Analisi del segno nelle PCI | E. Occhi
    Modulo 2 – Inquadramento della paralisi cerebrale infantile   
    Lezione A – La natura della PCI | A. Ferrari
    Lezione B – Classificazione delle PCI | A. Ferrari
    Lezione C – Forme cliniche e storia naturale delle diplegie | A. Ovi
    Modulo 3 – Forme diplegiche: clinica e terapia     
    Lezione A – Razionale terapeutico nelle diplegie | A. Ferrari
    Lezione B – Trattamento fisioterapico | A. Ovi
    Lezione C – Trattamento farmacologico nelle PCI | E. Occhi
    Lezione D – Ortesi e ausili nelle diplegie | S. Casotto
    Lezione E – Chirurgia delle parti molli | M. Mori
    Lezione F – Trattamento post inoculo e post chirurgico | A. Ovi
    Modulo 4 – Forme emiplegiche: clinica a terapia   
    Lezione A – Forme cliniche e storia naturale nelle emiplegie | A. Ovi
    Lezione B – Razionale terapeutico nelle emiplegie | A. Ferrari
    Lezione C – Setting e relazione terapeutica | A. Ovi
    Lezione D – Trattamento ortesico nelle emiplegie | S. Casotto
    Lezione E – Chirurgia scheletrica | M. Mori
    Lezione F – Trattamento post chirurgico | A. Ovi
    Modulo 5 – Nuove proposte   
    Lezione A – Interazione con le famiglie | M. C. Pesci                                                   
    Lezione B – Ricerca e nuove terapie nelle PCI | A. Ferrari

    RELATORI

    Stefano Casotto | Tecnico ortopedico | Ortopedia Antoniana (PD)

    Adriano Ferrari | Medico fisiatra | Professore di Medicina Fisica e Riabilitativa presso Università di Modena e Reggio Emilia (RE)

    Maurizio Mori | Chirurgo pediatrico | UDGEE (RE)

    Eugenio Occhi | Medico fisiatra | Già direttore Unità Spinale di Sondalo dell’Azienda Ospedaliera della Valtellina (SO)

    Antonella Ovi | Fisioterapista | Già dipendente AUSL Reggio Emilia presso Arcispedale Santa Maria Nuova, UDGEE (RE)

    Maria Cristina Pesci | Medico specialista in Psicoterapia e Psicologia Clinica | AUSL Reggio Emilia presso Arcispedale Santa Maria Nuova, UDGEE 

    DESTINATARI ECM

    Medico chirurgo (Fisiatra, Internista, Neurologo, Neuropsichiatra infantile, Pediatra, Pediatra di libera scelta, Chirurgo pediatrico, Ortopedico, Privo di specializzazione, Neurofisiopatologo, Medico di medicina generale, Psicologo); Assistente sanitario; Fisioterapista; Infermiere; Infermiere pediatrico; Podologo; Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva; Tecnico di neurofisiopatologia; Tecnico ortopedico; Terapista occupazionale; Psicologo

    QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO

    La prova di apprendimento potrà essere effettuata al termine del corso accedendo alla sezione questionari, dopo aver seguito le lezioni audio/video (o nella versione PDF).  La prova di apprendimento consisterà in un questionario, a doppia randomizzazione delle domande, a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola corretta. Sono previste 150 domande.  La soglia di superamento prevista è del 75%.
    È possibile effettuare 5 tentativi. Ad ogni tentativo le domande subiranno una randomizzazione.

    CARATTERISTICHE TECNICHE PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA

    Sistemi operativi supportati: XP, 2000, Vista, Win7, Win8, Win10, Mac Os X 10.3+, Linux
    Browser: Internet Explorer 7+ con plug-in Macromedia Flash® 9.0 o superiore e Javascript abilitato, Firefox 20+, Safari 4+, Chrome con plug-in Macromedia Flash® 9.0 o superiore e Javascript abilitato e blocca popup disabilitato
    Connessione a internet: 56K, ADSL (consigliato), LAN
    Monitor: Risoluzione minima consigliata 1024×768
    Scheda audio full duplex
    RAM: 1 Gbyte
    Computer e processore: PC classe Dual core o superiore per corretta visione del contenuti video
    Flash plugin scaricabile dal sito www.adobe.com al link
    https://get.adobe.com/flashplayer/

    Carrozzine manuali ed elettriche, sistemi di postura, cuscini antidecubito: scelta, personalizzazione, addestramento all’uso e manutenzione

    INFORMAZIONI SUL CORSO

    Corso a Distanza FAD: Videocorsi online su apposite piattaforme di learning management system (lms) – e-learning | Riprese con tecnologia green screen
    Autorizzazione ministeriale 5129 –289020
    Crediti formativi: 50
    Piattaforma di e-learning: https://formazione.smore.it/ 

    CONTENUTI DEL CORSO

    Gli utenti di carrozzina sono molti ed in costante aumento. Per gran parte di essi la carrozzina è un ausilio di primaria importanza per il benessere e la vita di relazione, sui quali l’impatto della carrozzina è strettamente legato all’appropriatezza della scelta, della personalizzazione e dell’addestramento all’uso. I primi passi per una scelta appropriata sono definire le esigenze dell’utente, che devono ritenersi strettamente individuali, e strutturare un percorso di valutazione che preveda prove degli ausili potenzialmente idonei. Poiché l’appropriatezza della carrozzina deve essere stabilità anzitutto dall’utente, va adottata una modalità di scelta imperniata sulla sua partecipazione.
    Al contempo, occorre conoscere la merceologia funzionale della carrozzina, per individuare i modelli e le configurazioni da provare alla singola persona. Per facilitare la conoscenza della merceologia, le carrozzine sono raggruppate in diverse classi secondo caratteristiche strutturali e di funzionamento. La postura è l’aspetto della carrozzina che più incide su benessere e funzionalità degli utenti, interessarsi del sistema di postura
    è pertanto essenziale. Sono presentate le informazioni che consentono di allestire il sistema di postura in funzione delle esigenze individuali di comfort e funzionalità. Tali informazioni sono convenientemente raggruppate secondo gli obiettivi biomeccanici principali della postura seduta: sostegno di bacino e arti inferiori, sostegno posteriore del tronco, sostegno degli arti superiori, sostegno laterale del tronco, neutralizzazione
    dei movimenti involontari destabilizzanti, sostegno del capo, gestione delle deformità.
    La prevenzione delle lesioni da pressione in carrozzina è un tema che riguarda la gran parte degli utenti. Si affrontano i fattori di rischio, gli strumenti generali di prevenzione, la merceologia funzionale dei cuscini antidecubito, la loro valutazione individuale.
    Gli importanti obiettivi ottenibili con una carrozzina ben scelta e personalizzata si possono conseguire appieno solo se l’utente la usa in modo appropriato: per questo, l’addestramento riveste un ruolo essenziale. È impegno spesso sottovalutato, a volte perfino omesso, ma che ripaga molto in termini di sicurezza e funzionalità. Sono esposte le regole di base dell’addestramento motorio e descritte le tecniche fondamentali per condurre la carrozzina sia in veste di utente, sia di accompagnatore. Il corso, sarà un FAD “dinamico”. Ossia nei video, oltre alle presentazioni, vi saranno anche dimostrazioni pratiche con gli ausili didattici a disposizione.

    MODULI E LEZIONI

    Modulo 1 – Principi e metodo di lavoro – G. Spagnolin
    Lezione A – Significato ed effetti della carrozzina nella vita delle persone disabili
    Lezione B – Quando è opportuno proporre una carrozzina?
    Lezione C – Criteri di scelta e passi della valutazione
    Lezione D – Impostare il colloquio di valutazione
    Modulo 2 – Carrozzine ad autospinta e regolazione dell’assetto – G. Spagnolin
    Lezione A – Tipologie di carrozzine ad autospinta: struttura e destinazione di uso
    Lezione B – La scheda d’ordine della carrozzina
    Lezione C – Regolare l’assetto: scopi e metodo di lavoro
    Lezione D – Regolare l’assetto in funzione della postura
    Lezione E – Regolare l’assetto in funzione della mobilità
    Lezione F – Scegliere i componenti della carrozzina legati alla mobilità
    Lezione G – Assetto (testo)
    Modulo 3 – Carrozzine con telaio basculante e basi di mobilità basculanti – G. Spagnolin   
    Lezione A – Struttura e destinazione d’uso
    Lezione B – Funzione ed uso delle regolazioni posturali
    Lezione C – Fisiologia del basculamento e della reclinazione
    Modulo 4 – Carrozzine elettriche – N. Crivelli   
    Lezione A – Significato ed effetti della carrozzina elettronica nella vita delle persone disabili
    Lezione B – Principi di classificazione e caratteristiche generali delle carrozzine elettroniche
    Lezione C – I quattro tipi di trazione
    Lezione D – Il sistema di postura dinamico
    Lezione E – Sistemi di guida alternativi al joystick
    Lezione F – Elettronica espandibile e controllo delle tecnologie ICT
    Lezione G – La scheda d’ordine della carrozzina elettronica
    Lezione H – La prescrizione col nuovo nomenclatore tariffario
    Lezione I – Tecnologie prescrivibili (testo)
    Modulo 5 – Scooter elettrici e unità di propulsione elettriche – N. Crivelli   
    Lezione A – Unità di propulsione per amplificare la spinta
    Lezione B – Unità di propulsione per guida con joystick
    Lezione C – Unità di propulsione per guida accompagnatore
    Lezione D – Ausili a trazione elettrica anteriore
    Lezione E – Scooter elettrici e affini
    Lezione F – La prescrizione col nuovo nomenclatore tariffario
    Modulo 6 – Cura della postura in carrozzina: scopi dell’intervento e modalità di lavoro – G. Spagnolin   
    Lezione A – Perché è utile occuparsi della postura in carrozzina
    Lezione B – Di che strumenti disponiamo per dare una buona postura?
    Lezione C – A quali obiettivi mirare?
    Lezione D – Metodo di lavoro
    Modulo 7 – Scelta e messa a punto del sistema di postura – G. Spagnolin   
    Lezione A – Dare una buona base a bacino ed arti inferiori
    Lezione B – Dare un appropriato sostegno posteriore a bacino e tronco
    Lezione C – Controllare la mobilità involontaria destabilizzante
    Lezione D – Sostenere gli arti superiori
    Lezione E – Sostenere il tronco lateralmente e anteriormente
    Lezione F – Sostenere il capo
    Lezione G – Sistema di postura e deformità
    Lezione H – Scegliere il sistema di postura e la carrozzina (testo)
    Modulo 8 – Prevenzione delle lesioni da pressione in carrozzina – G. Spagnolin / N. Crivelli   
    Lezione A – Rilevanza del problema
    Lezione B – Fattori di rischio
    Lezione C – Prevenire le lesioni da pressione intervenendo sul sistema di postura
    Lezione D – I cuscini antidecubito: valutazione, metodo di scelta e indicazioni per l’uso
    Lezione E – Altre modalità di prevenzione
    Lezione F – la prevenzione di lesioni da prssione e la cura della postura su sedie WC-doccia
    Modulo 9 – Addestramento all’uso delle carrozzine – N. Crivelli / G. Spagnolin   
    Lezione A – Principi dell’addestramento motorio
    Lezione B – Addestramento carrozzine manuali ad auto spinta
    Lezione C – Scala di valutazione sull’uso delle carrozzine manuali
    Lezione D – Addestramento carrozzine elettroniche
    Lezione E – Scale di valutazione sull’uso delle carrozzine elettroniche
    Lezione F – Addestramento (testo)
    Modulo 10 – Manutenzione della carrozzina – N. Crivelli   
    Lezione A – Scopi della manutenzione
    Lezione B – Tecniche di intervento

    RELATORI

    Gianantonio Spagnolin – Fisioterapista – Lavora dal 1982 presso l’Unità spinale di Sondalo (SO). Docente dal 1990 in corsi di formazione sulla carrozzina, gli ausili e la rieducazione dopo lesione midollare. Laureato in fisioterapia nel 2007

    Nadia Crivelli – Terapista occupazionale – Lavora dal 2011 presso l’Unità spinale Unipolare di Milano (ASST GOM NIGUARDA). È docente dal 2012 nel corso di laurea universitario di Terapia Occupazionale, presso l’università degli Studi di Milano. Tutor degli allievi dei corsi di laurea in Terapia Occupazionale e docente nei corsi di formazione sulla carrozzina, sugli ausili, sulla rieducazione dopo lesione midollare. Laureata in Terapia Occupazionale nel 2006 e laureata magistrale in Scienze Riabilitative delle Professioni Sanitarie nel 2016

    DESTINATARI ECM

    Medico chirurgo (Geriatria, Malattie dell’apparato respiratorio, Medicina fisica e riabilitazione, Medicina interna, Medicina termale, Medicina dello sport, Neurologia, Neuropsichiatria infantile, Pediatria, Reumatologia, Ortopedia e traumatologia, Medicina generale (medici di famiglia), Pediatria (pediatri di libera scelta), Psicologia, Privo di specializzazione, Cure palliative); Psicologo; Assistente sanitario; Educatore professionale; Fisioterapista; Infermiere; Tecnico ortopedico; Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva; Terapista occupazionale

    QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO

    La prova di apprendimento potrà essere effettuata al termine del corso accedendo alla sezione questionari, dopo aver seguito le lezioni audio/video (o nella versione PDF).  La prova di apprendimento consisterà in un questionario, a doppia randomizzazione delle domande, a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola corretta. Sono previste 150 domande.  La soglia di superamento prevista è del 75%.
    È possibile effettuare 5 tentativi. Ad ogni tentativo le domande subiranno una randomizzazione.

    CARATTERISTICHE TECNICHE PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA

    Sistemi operativi supportati: XP, 2000, Vista, Win7, Win8, Win10, Mac Os X 10.3+, Linux
    Browser: Internet Explorer 7+ con plug-in Macromedia Flash® 9.0 o superiore e Javascript abilitato, Firefox 20+, Safari 4+, Chrome con plug-in Macromedia Flash® 9.0 o superiore e Javascript abilitato e blocca popup disabilitato
    Connessione a internet: 56K, ADSL (consigliato), LAN
    Monitor: Risoluzione minima consigliata 1024×768
    Scheda audio full duplex
    RAM: 1 Gbyte
    Computer e processore: PC classe Dual core o superiore per corretta visione del contenuti video
    Flash plugin scaricabile dal sito www.adobe.com al link
    https://get.adobe.com/flashplayer/

    La carrozzina a 360°: mobilità, postura, comunicazione, “internet of things”

    INFORMAZIONI SUL CORSO

    Corso a Distanza FAD: Videocorsi online su apposite piattaforme di learning management system (lms) – e-learning | Riprese con tecnologia green screen
    Autorizzazione ministeriale 5129 – 289041
    Crediti formativi: 50
    Piattaforma e-learning: https://formazione.smore.it/

    CONTENUTI DEL CORSO

    A fronte del grande e crescente numero di persone che affidano la loro mobilità personale alla carrozzina c’è una scelta di ausili in continua espansione e diversificazione. Trovare fra questi l’ausilio appropriato a ciascun utente, adattarglielo con cura, addestrare al suo uso per far sì che svolga la sua funzione con efficacia e sicurezza, sono passi la cui importanza non deve essere sottovalutata, senza i quali l’ausilio non acquista il grande valore che potenzialmente ha per la vita di relazione. È pertanto indispensabile che gli operatori interessati possiedano le competenze necessarie per compiere questi passi. Si tratta anzitutto di competenze inerenti alla merceologia delle carrozzine, che vanno conosciute sia strutturalmente, sia funzionalmente, sia per la destinazione d’uso. Stante la ricchissima offerta di modelli e di varianti in cui vengono proposti, nonché il numero e l’importanza delle regolazioni, le conoscenze necessarie per orientarsi nella scelta delle carrozzine e per adattarle alle molteplici esigenze degli utenti sono numerose e devono essere organizzate in modo funzionale. I primi passi per una scelta appropriata sono definire le esigenze dell’utente, che devono ritenersi strettamente individuali, e strutturare un percorso di valutazione che preveda prove degli ausili potenzialmente idonei. Poiché l’appropriatezza della carrozzina deve essere stabilita anzitutto dall’utente, va adottata una modalità di scelta imperniata sulla sua partecipazione. Gli importanti obiettivi ottenibili con una carrozzina ben scelta e personalizzata si possono conseguire appieno solo se l’utente la usa in modo appropriato: per questo, l’addestramento riveste un ruolo essenziale. È impegno spesso sottovalutato, a volte perfino omesso, ma che ripaga molto in termini di sicurezza e funzionalità. Sono esposte le regole di base dell’addestramento motorio e descritte le tecniche fondamentali per condurre la carrozzina sia in veste di utente, sia di accompagnatore. Infine, si espongono gli accorgimenti di base per la manutenzione della carrozzina, compito solo apparentemente banale ma meritevole invece di opportuna attenzione.

    MODULI E LEZIONI

    Modulo 1 – Ruolo e diffusione della carrozzina – G. Spagnolin
    Lezione A – Effetti della carrozzina nella vita delle persone con disabilità
    Lezione B – Stabilire se la carrozzina è un ausilio appropriato
    Modulo 2 – Criteri di scelta e passi della valutazione – G. Spagnolin   
    Lezione A – Quali regole seguire per scegliere la carrozzina
    Lezione B – Comunicare con l’utente nella fase di scelta della carrozzina
    Modulo 3 – Carrozzine ad autospinta: caratteristiche e destinazione d’uso – G. Spagnolin     
    Lezione A – Le carrozzine standard
    Lezione B – La configurabilità della carrozzina
    Lezione C – Le carrozzine leggere
    Lezione D – Le carrozzine superleggere
    Lezione E – Le carrozzine “per emiplegia” e l’autospinta a piede
    Modulo 4 – L’assetto della carrozzina – G. Spagnolin   
    Lezione A – Per quali finalità regolare l’assetto e come procedere
    Lezione B – Personalizzare l’assetto per la postura
    Lezione C – Personalizzare l’assetto per la mobilità
    Modulo 5 – Dettagli della carrozzina legati alla mobilità – G. Spagnolin   
    Lezione A – Dettagli del telaio legati alla mobilità
    Lezione B – Ruote, ruotine, mancorrenti
    Modulo 6 – Carrozzine con posizionamento variabile – G. Spagnolin   
    Lezione A – Descrizione e indicazioni generali
    Lezione B – Modo d’uso
    Lezione C – Effetti del basculamento e della reclinazione
    Modulo 7 – Scelta e regolazione della carrozzina manuale in funzione delle esigenze posturali – G. Spagnolin   
    Lezione A – Scegliere il tipo di carrozzina in base alle esigenze posturali
    Lezione B – Scegliere o regolare le misure del sistema di postura della carrozzina
    Lezione C – Scegliere o regolare gli angoli del sistema di postura della carrozzina
    Lezione D – Componenti del sistema di postura della carrozzina
    Modulo 8 – Carrozzine elettroniche – G. Spagnolin | D. Trioschi   
    Lezione A – L’importanza della CE per l’attività e la partecipazione | S.
    Lezione B – Caratteristiche e classificazione | T.
    Lezione C – Le 5 tipologie di trazione | T.
    Lezione D – Il sistema di postura con automazioni e il concetto di “compensazione” | T.
    Lezione E – Carrozzina elettronica e prevenzione delle lesioni da pressione: quali opportunità? | T.
    Lezione F – La potenzialità dell’elettronica espandibile e i comandi di guida alternativi al joystick | T.
    Lezione G – La connessione e il controllo delle tecnologie ICT (smartphone/tablet/PC) | T.
    Lezione H – Dal controllo ambientale semplice da CE all’Internet of Things | T.
    Lezione I – La CE in età evolutiva | T.
    Lezione L – La personalizzazione del programma di guida | T.
    Lezione M – Criteri di scelta della CE e proposta di un modello di valutazione | T.
    Lezione N – Conoscere la scheda d’ordine della carrozzina elettronica | T.
    Lezione O – Come prescrivere la carrozzina elettronica alla luce del nuovo nomenclatore | T.
    Modulo 9 – Unità di propulsione per carrozzine manuali e scooter elettrici – G. Spagnolin | D. Trioschi   
    Lezione A – Unità di propulsione: scopo e generalità | S.
    Lezione B – Tipologie di unità di propulsione | S.
    Lezione C – Scooter elettrici e altri ausili elettronici per la mobilità | T.
    Modulo 10 – Preparare all’uso delle carrozzine – G. Spagnolin | D. Trioschi
    Lezione A – Come impostare l’addestramento motorio | S.
    Lezione B – La carrozzina manuale: operazioni di base e mobilità | S.
    Lezione C – Wheelchair Skill Test: valutare le abilità in carrozzina manuale | T.
    Lezione D – Addestramento carrozzine elettroniche e relative scale di valutazione | T.
    Modulo 11 – Manutenzione della carrozzina – G. Spagnolin | D. Trioschi
    Lezione A – Manutenzione della carrozzina manuale | S.
    Lezione B – Manutenzione della carrozzina elettronica | T.

    RELATORI

    Gianantonio Spagnolin – Fisioterapista – Lavora dal 1982 presso l’Unità spinale di Sondalo (SO). Docente dal 1990 in corsi di formazione sulla carrozzina, gli ausili e la rieducazione dopo lesione midollare. Laureato in fisioterapia nel 2007

    Devis Trioschi – Terapista occupazionale – Dopo il Diploma ISEF (2001), la Laurea in Fisioterapia (2004) e in Terapia Occupazionale (2008) ha conseguito la Laurea magistrale in Scienze Riabilitative delle Professioni Sanitarie (2018). E’ docente dal 2005 in corsi di formazione e convegni sugli ausili per l’autonomia e la qualità della vita di persone con disabilità. E’ attualmente docente nei Corsi di Laurea di Terapia Occupazionale dell’Università di Modena-Reggio Emilia e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Ha lavorato per molti anni nei Centri Ausili del Polo Tecnologico regionale per le disabilità di Corte Roncati a Bologna, dal 2018 ricopre il ruolo di “clinical & product specialist” e di formatore in un’azienda leader del settore ausili, Sunrise Medical. E’ autore di pubblicazioni a carattere scientifico e divulgativo nel settore ausili (www.unacasasumisura.it; www.valutazioneausili.it)

    DESTINATARI ECM

    Medico chirurgo (Geriatria, Malattie dell’apparato respiratorio, Medicina fisica e riabilitazione, Medicina interna, Medicina termale, Medicina dello sport, Neurologia, Neuropsichiatria infantile, Pediatria, Reumatologia, Ortopedia e traumatologia, Medicina generale (medici di famiglia), Pediatria (pediatri di libera scelta), Psicologia, Privo di specializzazione, Cure palliative); Psicologo; Assistente sanitario; Educatore professionale; Fisioterapista; Infermiere; Tecnico ortopedico; Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva; Terapista occupazionale

    QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO

    La prova di apprendimento potrà essere effettuata al termine del corso accedendo alla sezione questionari, dopo aver seguito le lezioni audio/video (o nella versione PDF).  La prova di apprendimento consisterà in un questionario, a doppia randomizzazione delle domande, a risposta multipla con 4 possibilità di risposta di cui una sola corretta. Sono previste 150 domande.  La soglia di superamento prevista è del 75%.
    È possibile effettuare 5 tentativi. Ad ogni tentativo le domande subiranno una randomizzazione.

    CARATTERISTICHE TECNICHE PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA

    Sistemi operativi supportati: XP, 2000, Vista, Win7, Win8, Win10, Mac Os X 10.3+, Linux
    Browser: Internet Explorer 7+ con plug-in Macromedia Flash® 9.0 o superiore e Javascript abilitato, Firefox 20+, Safari 4+, Chrome con plug-in Macromedia Flash® 9.0 o superiore e Javascript abilitato e blocca popup disabilitato
    Connessione a internet: 56K, ADSL (consigliato), LAN
    Monitor: Risoluzione minima consigliata 1024×768
    Scheda audio full duplex
    RAM: 1 Gbyte
    Computer e processore: PC classe Dual core o superiore per corretta visione del contenuti video
    Flash plugin scaricabile dal sito www.adobe.com al link
    https://get.adobe.com/flashplayer/

    Contattaci se desideri avere maggiori informazioni sui nostri corsi